Per un drone di 3 chili ci vuole il patentino?

per un drone di 3 chili ci vuole il patentino

Se hai cominciato ad appassionarti al mondo dei droni, ci sarà voluto poco per accorgerti di quanti modelli esistono, e di quanto sia lunga la lista di caratteristiche e funzionalità che li distinguono.

Va da sé che all’aumentare delle funzionalità e delle specifiche tecniche, di solito aumenta anche il peso.

Una soglia di peso che spesso interessa molti aspiranti acquirenti è quella dei 3 chili, visto che tantissimi ottimi modelli di droni hanno un peso superiore a questo. Ad esempio, il DJI Inspire 2 pesa circa 3,4 chili.

E allora a volte scatta il dubbio?

Per pilotare un drone di 3 chili ci vuole il patentino?

Per pilotare un drone di 3 chili è necessario almeno l’Attestato di Pilota APR (operazioni non critiche), altrimenti detto Patentino Online. Con questo attestato è possibile farne un uso da hobbista. Con l’Attestato CRO invece, se ne può fare un uso anche professionale durante “operazioni critiche”.

Oltre all’attestato occorrono poi altre importanti documenti, in primis l’assicurazione, che sarà diversa in base alla tua scelta di usarlo per hobby o come professionista.

Infine, sarà poi necessario eseguire la registrazione tua e del tuo drone sul sito D-Flight per ottenere i codici QR-Code da incollare sul drone e sul radiocomando.

Insomma, come avrai capito, per pilotare un drone da 3 chili servono un po’ di pratiche. Non molte, ma vanno comunque considerate.

Continua a leggere per avere le idee ben chiare.

Perché serve il patentino per un drone da 3 chili

Questa risposta è molto semplice da dare.

Semplicemente per via del peso (abbiamo trattato a fondo questo argomento nel nostro articolo “per il drone ci vuole il patentino”, dove parliamo anche dei casi in cui non è necessario).

I nuovi regolamenti hanno reso questo aspetto più chiaro e meno complicato da interpretare.

Semplicemente, per pilotare qualsiasi drone che pesi più di 250 grammi e fino a 25 chili, anche per uso personale hobbistico, serve sempre almeno l’Attestato Basico, ovvero il Patentino Online.

Punto, non ci si può sbagliare.

Pesa più di 250 grammi? Allora devi avere il patentino, non hai dubbi.

Esistono però due tipi di attestati conseguibili. Allora quale devi prendere?

Che patentino serve per un drone da 3 chili

I tipi di attestati conseguibili per pilotare i droni che vanno da 250 grammi a 25 chili, quindi compresi quelli che pesano 3 chili, sono solamente due:

  • L’Attestato di Pilota APR (operazioni non critiche)
  • L’Attestato CRO (Critical Operation)

Anche qui però il punto di partenza è abbastanza semplice, nel senso che se per caso volessi conseguire quello CRO, è necessario essere già in possesso dell’Attestato Basico.

Quindi, in altri termini, il Patentino Online (ovvero l’Attestato di Pilota APR) devi farlo per forza in qualunque caso.

Se stai già pensando di non farlo perché “tanto non mi beccano”, ti consiglio di dare un’occhiata al nostro articolo su cosa succede se piloti un drone senza patentino, alle relative sanzioni penali.

Il Patentino Online ti consente di utilizzare il tuo drone da 3 chili per hobby, rispettando tutta una serie di divieti, in particolare il divieto di utilizzare il drone in quelle che vengono definite “operazioni critiche”.

Se invece tu volessi utilizzare il tuo drone in maniera professionale per lavorarci anche in condizioni “critiche”, allora avrai bisogno di conseguire l’Attestato CRO, dove appunto ti viene insegnato a pilotare il drone in condizioni più difficili e dove i parametri di sicurezza sono ancora più importanti e stringenti.

Per farti capire, ecco qui sotto le condizioni principali perché un volo sia considerato “non critico”, e quindi non sia necessario l’Attestato CRO ma sia sufficiente quello Basico:

  • volo “a vista” (VLOS), ovvero il drone deve essere sempre visibile al nostro occhio
  • distanza di almeno 150 metri da aree congestionate (zone residenziali, industriali, commerciali, etc.)
  • distanza di almeno 50 metri da altre persone
  • durante il giorno
  • mai in agglomerati urbani
  • mai su assembramenti di persone

Non è finita qui però.

Oltre al Patentino Online, prima di poter far volare il tuo drone da 3 chili o più avrai bisogno di ancora un paio di cose molto importanti.

Serve sempre anche assicurazione e QR-Code

La prima cosa che ti serve assolutamente è un’assicurazione. Quella più semplice è quella da hobbista per uso ricreativo. In quel caso l’assicurazione va fatta una volta sulla tua persona al costo di meno di 40 €, e copre tutti i droni che userai per hobby. Nel caso invece volessi usarli in maniera professionale per lavoro, allora servirà un’assicurazione specifica per ogni drone e per quelli di 3 chili si parlerà di un costo di circa 260 €.

Non è finita qui, ma ci siamo quasi.

Una volta ottenuti l’Attestato e l’assicurazione, l’ultima cosa da fare è passare un po’ di tempo sul sito D-Flight.

Su questo sito come prima cosa dovrai registrarti creando un account personale. A seguire potrai registrare ufficialmente il tuo drone ottenendo un codice QR-Code univoco. Pensa a questo QR-Code come alla targa della macchina. Questo codice andrà quindi stampato in duplice copia e incollato sul drone e sul radiocomando.

Per finire, già che sei sul sito D-Flight, impara ad usarlo anche per sapere dove poter volare con il tuo drone. Infatti, D-Flight è il portale ufficiale per conoscere con precisione in quali territori geografici è consentito il volo con il drone, se ci sono limitazioni e quali.

Quindi, prima di decollare, un salto su D-Flight per controllare se nella zona in cui ti trovi è consentito il volo con droni è un must, soprattutto per la sicurezza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Articoli Recenti